Metodologia del progetto

METODOLOGIA DEL PROGETTO

La metodologia prescelta per la realizzazione del progetto “il Giardino incantato” è stata fondata sulle analisi delle potenzialità connesse all’impianto del servizio e alla gestione di attività a carattere sociale e ricreativo, nonché delle adeguate competenze per relazionarsi con le diverse tipologie di fruitori dei servizi offerti. Particolare attenzione è stata prestata allo sviluppo di un lavoro di rete con i servizi e le istituzioni del territorio.

L’analisi degli scenari della società in cui viviamo (società della conoscenza) delinea l’ipotesi pedagogica di un mondo caratterizzato di una conoscenza solidale e diffusa fondata sull’incontro tra saperi e l’integrazione dei domini del pensare e del sentire. Le autonomie locali, in questo, diventano determinanti, promuovendo processi di apprendimento permanente e di autoeducazione dei singoli e delle comunità attraverso l’innesto di molteplici canali. Da questo, ne deriva la necessità di prestare particolare attenzione ai contesti di vita dei soggetti individuali e sociali, muovendosi verso una “pedagogia della relazione”.

Gli spazi sociali, economici e culturali dovranno quindi essere interpretati come spazi di azione educativa in cui possa esprimersi “una nuova egemonia culturale intesa come domanda di protagonismo civile di tipo includente e non escludente” (Schettini).

II servizio proposto con il progetto “giardino incantato” – spazi di gioco e di educazione per crescere e costruire una comunità solidale, pertanto, è articolato intorno alla costruzione di un contesto educante capace di promuovere lo sviluppo della persona in particolare del attraverso la relazione e il gioco, l’apprendimento e la condivisione di esperienze e di emozioni.

Le iniziative previste all’interno della presente proposta sono strutturate secondo una metodologia comune e fortemente innovativa, che punta sull’attivazione e animazione del territorio e sulla personalizzazione del percorso.

Obiettivo ultimo della proposta e quello di promuovere la partecipazione attiva dei cittadini residenti alla vita della comunità locale e di favorire la creazione e il consolidamento di una rete di soggetti istituzionali, del mercato del lavoro, del mondo dell’associazionismo e del terzo settore, in grado di  sostenere e potenziare lo sviluppo di attività e servizi per la promozione dell’inclusione sociale, l’integrazione, la prevenzione di situazioni di disagio, la diffusione di una cultura della consapevolezza e della responsabilità sociale.

In quest’ottica le attività di progetto prevedono I’utilizzo di una metodologia  che punti da un lato a organizzare attività di laboratorio in risposta ai bisogni delle famiglie (supporto alla genitorialità, gestione dei conflitti, gestione delle risorse familiari, sviluppo personale ed educative)   dall’altro sull’integrazione delle iniziative con i servizi e i soggetti già operanti nel territorio. Punto di forza e valore aggiunto del partenariato è la possibilità di poter contare sul coinvolgimento diretto di soggetti  facenti parte del sistema ACLI (Unione Sportiva ACLI, Centro Turistico ACLI, Federazione anziani e pensionati, Giovani delle ACLI) e di volontari, appartenenti alle realtà associative o semplici cittadini residenti nel municipio, così da promuoverne l’acquisizione progressiva di un livello di autonomia sufficiente da consentire la sostenibilità delle iniziative attivate anche dopo la conclusione del progetto.

 

Per informazioni e dettagli:

Access Point aperto a Piazza Merolli:

Mattina: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì    10.00-12.00

Informazioni: Cell. 327.061.1152

ACLI Roma: Tel. 06.57087028

Referente Ente Attuatore: Cell. 373.810.3409

www.giardinoincantatomerolli.it

info@giardinoincantatomerolli.it